Appuntamento dei partner in Tunisia per incontrare gli stakeholders locali

Una rete di collaborazioni sempre più salda ed estesa, che vede protagonisti pescatori, Amministrazioni Locali e associazioni tunisine, italiane e francesi.

È questo il risultato della tre-giorni di lavori che si è svolta tra le città di Tunisi, El Haouaria e Tabarka, fra il 10 e il 12 giugno, e che ha coinvolto tutti i partner del progetto ENSAMBLE, co-finanziato dall’agenzia europea EASME con i fondi del FEAMP, e i rappresentanti di enti ed istituzioni corsi, toscani e nordafricani.

Un calendario ricco di impegni, a partire dall’incontro di lunedì 10, a Tunisi, organizzato dalle realtà promotrici del progetto – FLAG Costa degli Etruschi, Cooperativa San Leopoldo, Legambiente Toscana, WWF Nord Africa e Petra Patrimonia – per discutere delle attività e dei progressi fatti, condividere i risultati e concordare gli obiettivi da perseguire a breve e medio termine.

Nei giorni successivi i lavori si sono invece spostati nella città di El Haouaria e Tabarka, dove la delegazione dei partner ha preso parte a due incontri aperti ai vari portatori di interesse del territorio, finalizzati al racconto e allo scambio di buone pratiche in materia di pesca, di diversificazione e di sostenibilità ambientale.

Le due iniziative – organizzate in collaborazione con le Amministrazioni Comunali – hanno visto la presenza di più di 80 persone appartenenti a varie categorie di utenti, fra cui rappresentanti del Ministero e delle Istituzioni, Enti Pubblici, cooperative di pescatori, associazioni e liberi cittadini, che hanno avuto spazio e modo di raccontare le difficoltà e le potenzialità del territorio connesse al comparto ittico, discutendone con gli addetti del settore e ponendo le basi per il percorso partecipativo che il progetto ENSAMBLE si propone di portare avanti.

Fra gli interventi che hanno caratterizzato le due mattinate – oltre al contributo dei partner e dei due Sindaci – quelli di Pier Luigi Piro (Presidente Cooperativa I Pescatori di Orbetello), Antoine Duval (Capo dei pescatori di Propriano), Yannick Leger (Polo dell’Equilibrio Territoriale e Rurale della valle di Sartenais-Valinco-Taravo), Daniele Conti (Cooperativa San Leopoldo), Kamel Ellefi (coordinatore progetto DEVLOK). Durante gli incontri è stata inoltre proiettata la video-intervista fatta a Giovanni Maria Guarnieri, responsabile del settore “pesca marittima professionale, acquacoltura, maricoltura della Regione Toscana.

A completamento del viaggio, la visita al porto di El Haouaria e al Forte Genovese di Tabarka: due strutture significative per la costa tunisina, con una grande valenza commerciale e turistica.

Il prossimo incontro di gemellaggio è previsto tra settembre e ottobre, e vedrà le delegazioni nuovamente riunite in Toscana e Corsica. Nel frattempo il percorso partecipativo avviato in Tunisia verrà portato avanti dal WWF Nord Africa.

This post is also available in: enEnglish frFrançais

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *