Nuova riunione con gli stakeholders di Tabarka

La riunione del 27 agosto, a Tabarka – nata sulla scia dell’incontro tenutosi lo scorso 12 giugno con i partners del progetto ENSAMBLE – ha visto la partecipazione dell’Amministrazione Comunale, del corpo di polizia locale, e di alcuni rappresentanti del settore turistico, marittimo e della pesca, nonché, ovviamente, del WWF Nord Africa.

A seguito dei suggerimenti emersi nel corso di suddetto incontro, il Comune di Tabarka ha proposto di arricchire la commissione non permanente dell’agricoltura e della pesca con un nuovo modulo, incentrato sulla diversificazione della pesca, per iniziare ad applicare il metodo CLLD promosso da progetto e introdurre un approccio partecipativo locale.

Nel corso della riunione, si è poi proseguito col discutere di pescaturismo, un’attività molto popolare e sulla quale i locali ripongono molte aspettative, a testimonianza dell’importanza della diversificazione delle entrate per i pescatori di Tabarka.

In assenza di una legge che autorizzi questa attività, è stato proposto che alcuni di loro – scelti dalla commissione non permanente – possano ricorrere a permessi speciali rilasciati dalle autorità locali (distretto di pesca, ufficio marittimo mercantile). Le barche di questi pescatori dovranno rispettare una serie di specifiche (in consultazione con la marina mercantile) per garantire la sicurezza per i passeggeri.

Infine, è stato proposto un piano d’azione per la diversificazione della pesca, che dovrà basarsi sui seguenti punti:

  • Analizzare l’attività di pescaturismo, per presentare una proposta di legge che ne consenta lo svolgimento in Tunisia;
  • Integrarla con una forma di pescaturismo d’acqua dolce – da realizzarsi presso le dighe nel nord-ovest – incoraggiando al contempo il consumo di pesci d’acqua dolce;
  • Supportare i pescatori artigianali a beneficiare della formazione per migliorare i loro servizi nell’ambito dell’attività di pesca e ittiturismo;
  • Sviluppare materiali di comunicazione sui circuiti di ecoturismo / pescaturismo, che verranno distribuiti presso infopoint, uffici turistici e agli operatori turistici;
  • Creare un circuito di ecoturismo che combini le caratteristiche agroforestali e marine di Tabarka e tenga conto dei circuiti culturali, forestali e sportivi esistenti nella regione,
  • Integrare il pescaturismo all’interno dei programmi proposti dalle agenzie di viaggio;
  • Organizzare nuovamente la festa del mare / dei pescatori;
  • Organizzare eventi specifici per la regione (es: rimozione della quercia da sughero, fabbricazione di tubi, fabbricazione di corallo);
  • Migliorare l’infrastruttura degli alloggi rurali.

La prossima riunione avrà l’obiettivo di nominare i membri della commissione non permanente “diversificazione della pesca”. La data proposta è il 26 settembre 2019.

This post is also available in: enEnglish frFrançais

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *